Serve aiuto? Contattaci
Concessionaria Autosilver
Shop

Mercedes, la caccia alla Tesla è iniziata

Il futuro della Mercedes è ormai definito: sarà all'insegna dell'elettrico e, ancor di più, delle tecnologie avanzate. L'obiettivo è ambizioso, ma alla portata di un marchio che ha fatto la storia dell'auto: sfidare la Tesla sul suo stesso piano e raggiungere la leadership in quell'alto di gamma da sempre terreno di caccia prediletto. D'altro canto, basta guardare la Vision EQXX per comprendere le intenzioni della Casa di Stoccarda. Non si tratta, infatti, di un semplice prototipo ma di una dimostrazione di dove la Stella a tre punte voglia arrivare: ossia, a conquistare la vetta sfruttando soluzioni d'avanguardia, come è da sempre nel suo Dna e nonostante la mobilità elettrica non sia una passeggiata di salute come qualcuno vorrebbe far credere.

Le tappe. La strada, quindi, è ormai tracciata. Dal 2025, tutte le piattaforme della Mercedes saranno esclusivamente elettriche e dal 2030 il marchio offrirà solo auto a batteria. A patto, però, che "le condizioni di mercato lo consentano". Tradotto: l'addio tout court alle endotermiche non è certo al 100% in mercati che non siano l'Europa e la Cina. Un termine è stato comunque fissato. Alla Cop26 di Glasgow, la Mercedes, con Volvo, Ford, General Motors, Byd e Jaguar Land Rover, ha firmato la dichiarazione per fermare la produzione di veicoli a combustione entro il 2040. 

Smart già elettrica. A tal fine, la Casa della Stella ha già iniziato a compiere i passi necessari, stanziando 60 miliardi di euro e procedendo con lo scorporo delle attività nei camion e negli autobus della Daimler Truck. Sarà quest'ultima a mantenere i legami con Gottlieb Daimler, l'inventore dell'automobile. Dal primo febbraio, l'attuale Daimler ha cambiato nome in Mercedes-Benz per "evidenziare il futuro focus" sui marchi Mercedes-Benz (per le vetture tradizionali), Mercedes-AMG (per i modelli ad alte prestazioni), Mercedes-Maybach (per i prodotti di lusso) e Mercedes-EQ (per la gamma elettrica). Nell'elenco manca la Smart, passata nel 2020 a una joint venture gestita dalla Geely e sin da subito trasformata in un marchio full electric. 

I dubbi. Dunque, il futuro della Stella sarà elettrico ma, come detto, non manca la prudenza. L'amministratore delegato Ola Källenius non ha mai fatto mistero delle sue perplessità, in particolare sulle conseguenze della transizione: "Se l'Unione europea vuole spingere verso le auto a zero emissioni, la Daimler è pronta, ma bisogna fare delle considerazioni sull'impatto che avrà l'elettrificazione sui posti di lavoro". Impatto da gestire in "modo socialmente responsabile" e nel quadro di una maggior collaborazione tra industria e politica. E questo vale ancor di più sul fronte delle infrastrutture. In poche parole, come tanti altri costruttori anche la Mercedes si sta adeguando ai voleri delle istituzioni, ma non mancano timori sull'assenza di adeguate condizioni. 




AutoSilver Concessionaria Autosilver


Sei interessato a quest'offerta?
Contattaci


Compila i dati con:







I contenuti correlati